Mondiali alla Francia, la festa e gli sfottò dai social

La Francia ha conquistato il suo secondo Mondiale nella storia dopo quello di France 1998, Punto in comune dopo vent’anni è Didier Deschamps, giocatore prima e allenatore ora della compagine transalpina. Il risultato sulla Croazia è stato di 4 a 2, Croazia, una squadra a cui vanno senza dubbio i complimenti per le partite disputate e il ringraziamento per la ribalta delle “Piccole” in una competizione che ha visto trionfare sempre le stesse nazionali, in ogni edizione. A giochi conclusi un altro trend ha preso vita su internet, quello tra chi festeggia e chi proprio non riesce a mandare giù questa vittoria mondiale, forse tra i primi proprio noi cugini italiani!

Le dirette dai Campi Elisi

Dagli Champs Elysees i primi video e le prime dirette social di una nazione che molto probabilmente farà festa tutta la notte. La Marsigliese è il sottofondo di ogni video diretta che in questi minuti riempiono il mondo di facebook, twitter e instagram. Il copione è regolare, con il canto nazionale e i colori blu, bianco e rosso ad ornare ogni singolo pezzetto di terra francese. Campi Elisi protagonisti anche domani per la festa ufficiale, dove i giocatori francesi sfileranno su un bus scoperto dopo la visita all’Eliseo dal Presidente Macron.

Al di qua delle Alpi

Altro scenario social invece per le pagine di calcio italiane. Dall’altra parte delle Alpi, le nostre, ogni pagina è impostata su uno sfottò generalista che fa trapelare una sensazione mista di gelosia, rabbia e ne palesa il fatto che inmolto avrebbero preferito che a trionfare a Russia 2018 fosse stata la Croazia, sia per l’italianità con Mandzukic, Pjaka, Brozovici e Perisic sia per uno storico dualismo calcistico con la nazionale francese. Come al solito a farne le spese sono stati Napoleone, La Gioconda, i Mondiali del 2006 e il bidet: fattori culturali che da sempre mettono in evidenza il rapporto con il calcio tra italiani e francesi. Un consiglio per oggi: state lontani dai social se proprio non riuscite a sopportare tutto questo!

You May Also Like

About the Author: admin

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *